Come esportare prodotti alimentari in Inghilterra, America e Australia.

Vi presentiamo Sfoodle che con devozione e professionalità, si occupa di intercettare i produttori locali dei migliori prodotti alimentari biologici, dei prodotti italiani DOP e IGP e della loro esportazione in Inghilterra, America e Australia.
Esportare prodotti alimentari italiani in Inghilterra, America e Australia conviene?
Esportare prodotti alimentari all’estero conviene perché tutto il mondo ama la cucina italiana e i prodotti tipici caratterizzati da un gusto eccezionale grazie a metodi di produzione artigianali unici al mondo e alla selezione delle migliori materie prime. A Londra come a New York e a Sidney i ristoranti più affollati sono quelli italiani e i prodotti di successo si trovano nelle sezioni dei supermercati specializzati in prodotti regionali, quelli disponibili nelle enoteche e nei negozi di prodotti italiani DOP e IGP. La vendita di prodotti italiani all’estero, è quindi praticamente certa.

A chi è rivolto Sfoodle?

Sfoodle si occupa di esportare prodotti alimentari a proprietari di bar o pub, caffetteria, negozio prodotti tipici, enoteche alla ricerca di prodotti alimentari italiani, in particolare prodotti biologici. Sarebbe inoltre l’ideale fornitore di ristoranti Slow food e osterie Slow Food. L’offerta di prodotti italiani non è circoscritta solo ai piccoli rivenditori ma anche i grandi grossisti alimentari e ingrosso alimentari che si occupano della distribuzione di prodotti tipici alimentari italiani all’estero.

Qual è il legame tra Sfoodle e Slow Food?

Sfoodle applica la filosofia dello Slow Food alla sua attività, pertanto seleziona solo prodotti di origine 100% italiana coltivati con metodi sostenibili. Da qui nasce l’interesse per prodotti IGP, prodotti DOP e prodotti biodinamici da esportare dall’estero.

Perché il marketplace di Sfoodle è innovativo?

Sfoodle si presenta in modo innovativo non solo agli acquirenti di prodotti italiani tramite la vendita online su un sito ecommerce multilingue, ma anche ai produttori. Sfoodle vuole che ristoratori e grossisti internazionali siano certi di avere a che fare con prodotti di alta qualità, rigorosamente selezionati. Per questo Sfoodle si occupa personalmente della degustazione dei prodotti inviati appositamente dai produttori. In questo modo i prodotti presenti nel marketplace riceveranno una descrizione attendibile e sarà possibile instaurare un rapporto di fiducia di lunga durata fra compratore e produttore.

Qual è il vantaggio della vendita online di prodotti alimentari?

L’esportazione di prodotti italiani all’estero costituisce un incremento del business di ogni azienda che vede moltiplicare le vendite di formaggi, pasta, olio extravergine di oliva, vini regionali, prodotti bio e molto altro. La profonda conoscenza del territorio italiano e dei produttori locali ha permesso a Sfoodle di creare un ponte virtuale che collega venditori e acquirenti esteri in modo semplice e diretto. Il lavoro di Sfoodle consente ai primi di incrementare il giro d’affari e ai secondi di reperire facilmente prodotti pregiati.

Quanto sta crescendo il mercato dei prodotti biologici?

Tutto il mondo sta assumendo un’importante presa di coscienza circa la salvaguardia dell’ambiente e l’adozione di uno stile di vita sano. Perciò sempre più persone vanno alla ricerca di alimenti biologici che non sono altro che il risultato di un’agricoltura sostenibile e di metodi di lavorazione artigianali. I prodotti alimentari biologici insieme ai prodotti italiani DOP e ai prodotti italiani IGP, costituiscono quindi la punta di diamante dell’import-export operato da Sfoodle.

Infine, come vendere i propri prodotti tramite Sfoodle?

Se siete produttori di alimenti italiani interessati ad esportare prodotti all’estero, contattate Sfoodle per entrare nel suo marketplace ed espandere il vostro business. Grazie agli uffici a Londra, New York e Sidney, potrete mettervi in mostra presso una rete internazionale di acquirenti interessati proprio ai vostri prodotti.

Comments are closed.
Wholesale enquiy